• Visite: 685

Nota sul "Contratto di Fiume del Tevere nell'area urbana di Roma" inviata ad Autorità di bacino del fiume Tevere - Convocazione Riunione sui Contratti di Fiume - 30/03/2017

 

IL “CONTRATTO DI FIUME DEL TEVERE NELL’AREA URBANA DI ROMA”

 

 

Ci si è riferiti sia all’accezione più generale di “Contratti Territoriali” – così come peraltro adottata negli incontri di partecipazione pubblica al PGDAC.2 condotti da ABTevere (Autorità di bacino del fiume Tevere), cui il Consorzio Tiberina ha costantemente partecipato – sia al documento <<Definizioni e requisiti qualitativi di base dei Contratti di Fiume>> redatto in seno al Tavolo Nazionale Contratti di Fiume - “Gruppo di Lavoro 1: Riconoscimento dei CdF a scala nazionale e regionale e definizione di criteri di qualità” sia infine ad alcune prassi ulteriori ormai consolidate (Assemblea di Fiume, Manifesto, etc).

 

I processi partecipativi sono stati sviluppati dal Consorzio Tiberina attraverso ricorso a una mailing-list di circa 70.000 indirizzi ormai fidelizzati da anni (circa 60.000 già nel 2011, come attestati dall’Ufficio Stampa di Roma Capitale in http://www.unpontesultevere.com/images/pdf/Roma.pdf), portale “open” http://www.unpontesultevere.com/, incontri pubblici, seminari, tavoli di lavoro, etc, facilmente reperibili da Google (vista la diffusione data).

 

 

CRONOLOGIA

 

 

  • Roma Capitale, per seguire il processo, con Delibera di Giunta ha istituito un Osservatorio sul Contratto di Fiume del Tevere (ALL. 2 alla presente, con la Memoria di Giunta di cui all’ALL. 1 richiamata nella Delibera).

 

 

  • Quanto a organizzazione del processo, poiché il Consorzio Tiberina scadeva per Statuto nel DIC-2015, sono state effettuate:

 

  • una prima Assemblea di Fiume il 4-DIC-2015 all’Isola Tiberina in Roma, lì dove Consorziati “vecchi” e “nuovi” (da ammettere nel 2016) hanno condiviso di dover far parte dell’Assemblea stessa e di far proprio il progetto di “Contratto di Fiume del Tevere nell’area urbana di Roma” per rimanere/entrare nel Consorzio Tiberina (effettivamente rinnovato in apposita Assemblea consortile il 31-DIC-2015 secondo Statuto),
  • successive Assemblee aperte alla partecipazione di tutti.

 

  • Sono state redatte nel tempo diverse versioni di un Manifesto (la prima e l’ultima sono rispettivamente l’ALL. 3 e l’ALL. 4 alla presente, ove l’ALL. 4 ad oggi andrebbe lievemente riadattato per mutate condizioni al contorno e scelte delle Amministrazioni), con successive modifiche – soprattutto in ottica di semplificazione – proposte da partecipanti all’Assemblea di Fiume e da lettori inseriti in mailing-list. Vale a dire che il Manifesto non è stato pre-confezionato dal Comitato Promotore (che aveva condiviso l’avvio del processo del Contratto di Fiume in termini generali), visto anche il continuo allargarsi dello stesso.

 

Condiviso dai partecipanti ai diversi incontri che la Memoria di Giunta di Roma Capitale (ALL. 1) potesse costituire un “Documento d’intenti”, il Consorzio Tiberina si è premurato – anche attraverso propri fondi e contributi “in natura” dai Consorziati (soprattutto le Università) – di avviare la redazione di una appropriata “Analisi conoscitiva preliminare integrata” sugli aspetti ambientali, sociali ed economici. Da un lato si è avuto il vantaggio di poter consultare on-line gli studi contenuti nel Piano Stralcio 5 di ABTevere, dall’altro si è avuto qualche impedimento derivante dai rapporti con Roma Capitale, a causa di:

 

  • discontinuità amministrative e rapporti non continuativi (Giunta del Sindaco Marino, Commissariamento, Giunta della Sindaca Raggi),
  • “Servizio Aree Fluviali” da un lato sicuramente da rafforzare (come peraltro riconosciuto nella Delibera di Giunta in ALL. 2), dall’altro teoricamente incaricato – in seno all’ Osservatorio sul Contratto di Fiume del Tevere – di redigere detta Analisi.

Questo aspetto antinomico nell’approccio adottato nella Delibera della “Giunta Marino” ha di fatto ritardato la presentazione pubblica dell’Analisi da parte del Consorzio. Vi è altresì da aggiungere che la stessa viene continuamente aggiornata e andrà conclusa anche modulando ed enfatizzando i diversi aspetti – ambientali, sociali, economici – in relazione alle diverse sensibilità dei futuri partecipanti al Contratto di Fiume.

 

Anche per esser pronto alla conclusione immediata dell’“Analisi conoscitiva preliminare integrata”, nonché per iniziare ad impostare collegialmente (con Consorziati e non Consorziati) “Documento strategico” e “Programma d’azione”, il Consorzio Tiberina ha tenuto continuamente attivi, nell’ambito dell’Assemblea di Fiume, alcuni Tavoli di Lavoro, gruppi informali, processi partecipativi “settoriali”. Forte è stato il contributo delle Università consorziate, in particolare:

  • La Sapienza di Roma per architettura, urbanistica, P.R.G. di Roma e Ambito Strategico Tevere (Dipartimento di Architettura e Progetto, nonché Centro FOCUS),
  • Tor Vergata di Roma per il controllo delle acque (il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche già ha Convenzione con ARPA Lazio approvata dal Senato Accademico),
  • Roma Tre per gli ambiti interdisciplinari fra storia e natura (con il Centro CROMA),
  • Foro Italico di Roma per lo sport,
  • Tuscia per le interazioni su scala di Bacino (Roma, fino alla Foce, è ovviamente il terminale di fenomeni naturali e impatti ambientali che si generano a monte).

 

Ha infine sottoposto – proseguendo parallelamente le attività partecipative e tecnico-scientifiche di cui sopra – un Protocollo Aperto che riepiloghi tutti i passaggi compiuti e quelli da compiere. E’ stato finora sottoscritto da:

 

  • Autorità di bacino del fiume Tevere
  • Capitaneria di Porto di Roma Fiumicino
  • Consorzio di Bonifica Tevere e Agro Romano
  • Acea Ato 2 S.p.A.
  • le quattro Università Statali di Roma
  • MIPA - Consorzio per lo sviluppo delle metodologie e delle innovazioni nelle pubbliche amministrazioni (fondato e partecipato dall'ISTAT)
  • Pro Loco Roma
  • Associazione Isola Tiberina
  • Centro Studi sul Moderno
  • Gruppi Ricerca Ecologica Lazio
  • European Consumers
  • Associazione Amici del Tevere
  • Associazione Culturale Visioni Sociali
  • Fondazione Giuseppe Garibaldi
  • FIDAPA - BPW Italy (Federazione Italiana delle Donne nelle Arti, Professioni e Affari)
  • EOLO - Etnolaboratorio per il Patrimonio Culturale Immateriale
  • Associazione Progetto Roma
  • Confimprese di Roma e Provincia

e molti altri ancora. Altre adesioni sono evidentemente attese.

In ALL. 5 la copia con le prime otto sottoscrizioni.

 

 

Roma, 24 marzo 2017

 

 

Chi è online

Abbiamo 15 visitatori e nessun utente online

CONSORZIO TIBERINA                           CONTATTI: info@unpontesultevere.com
SITO REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE DI IRPPS - CNR - ISTITUTO DI RICERCHE SULLA POPOLAZIONE
E LE POLITICHE SOCIALI DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE